"Gli rispose il padre: Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo;

ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato"

 Luca


AVVISO

Si informa che domenica 18 settembre 2022 celebreremo al Carmine alle ore 18.30 l'ultima celebrazione eucaristica di questa stagione estiva.

 

Da sabato 5 novembre 2022 riprenderà la celebrazione eucaristica del sabato sera a Campea

 


LETTERA APERTA

SULLA RESPONSABILITA’ POLITICA E SOCIALE

DEI CRISTIANI

 

1.     La Parola di Dio è luce per illuminare la coscienza e le scelte dei cristiani

Per i credenti discepoli e discepole di Gesù – specie umana e spirituale differente dal credente stagionale o devozionale o sociale – la celebrazione dell’Eucaristia nel giorno del Signore, la domenica, è evento comunitario fondamentale dove la fede e le scelte di vita personali si confrontano con la Parola del Signore. Da questa Parola ci lasciamo illuminare per verificare l’autenticità e la consistenza interiore della fede e dei valori di vita che da essa scaturiscono, la loro pratica nella vita quotidiana, nelle scelte personali, sociali e politiche. La fede cristiana, infatti, quando non è ridotta a tradizione sociale e folcloristica, a devozionismo e a teoria dottrinale, sollecita e obbliga a compiere scelte che, per un cristiano che abbia qualche dimestichezza con il Vangelo, sono scelte etiche, che devono sempre mirare al bene comune, con attenzione particolate verso i poveri, verso coloro che non hanno voce e che la cultura neoliberista odierna tende a considerare “scarti sociali”.

 

... per continuare la lettura della lettera clicca "Download"

Download
LETTERA APERTA.pdf
Documento Adobe Acrobat 123.8 KB

RIAPRIRE

IL CIRCOLO NOI?

 

Dopo la chiusura per covid sarebbe utile? La comunità ne sente il bisogno?

 

Riaprirlo per dare spazio e motivo di incontro per ragazzi/e, famiglie e anziani.

E’ un segno della Comunità che non dobbiamo far morire. Cosa dobbiamo fare per non farlo morire? Iscriversi al NOI! Il costo della tessera è di soli € 10.

 

Se oltre alla iscrizione qualcuno darà una mano per renderlo vivo allora anche la Comunità ne avrà beneficio con iniziative varie rivolte a tutti: bambini/e, ragazzi/e, famiglie, anziani.

 

Quindi NON PIU’ soltanto il circolo/bar. Diamoci una possibilità di futuro! Offriamo qualche ora di volontariato. Il futuro sta anche nella nostra volontà e disponibilità.

 

Per le iscrizioni al NOI il circolo è aperto domenica 22 e 29, ore: 10-12 e 16-18.


COMPRENDERE LE PAROLE

Usare il modo intelligente il linguaggio

 

Comprendere il significato e il valore delle parole ci aiuta a superare un poco l’analfabetismo dilagante a livello sociale, politico, religioso, etico, spirituale.

Le mie riflessioni esprimono solo la mia visione del mondo, cioè della vita, dell’essere umano, della natura/creato, delle relazioni, dei valori. E’ una visione che ha come riferimento fondamentale il messaggio evangelico e l’insegnamento sociale della Chiesa. Sono riflessioni e considerazioni personali di cui mi assumo la responsabilità e che non pretendo siano condivise da tutti. Tengo però a precisare che esse scaturiscono anche dall’ascolto, dal dialogo, dal confronto con centinaia di persone che hanno condiviso con me preoccupazioni, paure, disagi ed ansie in riferimento a quanto accade nel territorio circa i vigneti e, soprattutto, l’uso di fitofarmaci di sintesi e i comportamenti di alcuni o molti viticoltori.

Faccio parte di quella categoria di persone che, sebbene ritenuta in via di “estinzione” reale o apparente, di fatto presiede il territorio, ha la responsabilità pastorale delle comunità che nel territorio vivono, lavorano, gioiscono e soffrono, hanno relazioni con migliaia di persone. Questo mi permette di dire non solo quello che penso ma anche quello che ascolto e che vedo nel volto di chi mi parla. Sono allenato a dire quello che penso e a pensare quello che dico anche se non aggrada a qualcuno o a molti.

Oggi 22 agosto, mi soffermo su una parola di moda: ECOLOGIA. Essa deriva da due parole greche oikos, "casa", “luogo”, "ambiente"; e logos, "discorso", "studio".

 

... per continuare la lettura della lettera clicca "Download"

Download
Comprendere le parole.pdf
Documento Adobe Acrobat 80.0 KB

Non è in gioco il tuo futuro, ma il futuro della Terra...

il futuro dei tuoi figli, dei tuoi nipoti, della tua Comunità !!

E tu, cosa stai facendo per salvaguardare il loro futuro,

il nostro futuro !?

 

"ABITA LA TERRA E VIVI

CON FEDELTA' "

 

Nell’anno pastorale 2011-12 la diocesi di Vittorio Veneto ha vissuto e celebrato un Convegno Ecclesiale sul tema: “Abita la terra e vivi con fedeltà” (Salmo 37).

Oggi, noi preti del territorio della Vallata UP dell’Abazia, ci rivolgiamo alle comunità dicendo: “Abitiamo questo territorio da persone responsabili verso questa terra meravigliosa e verso le comunità che la abitano”.

Abitare questo territorio consapevoli che esso è un bene comune e, per chi crede, è dono che appartiene a Dio, affidato alla nostra custodia e cura per il sostentamento e la gioia di tutti. Abitare questo territorio fedeli e rispettosi dei valori che ci permettono di abitarlo e viverlo come esseri umani, parte integrante di esso, e non da predatori o padroni o amministratori indifferenti alla terra e alle persone.

Noi non abitiamo semplicemente un territorio ma siamo anche noi territorio. Esso, infatti, ha forgiato e dato forma e carattere alle comunità e alle persone; ha segnato e segna la mentalità e la cultura, le tradizioni sociali e religiose, il senso del vicinato, del buon vicinato, anche se oggi questi aspetti sono indifferenti a tante persone. Il carattere dei nostri “veci” è stato forgiato dal territorio, da una terra verso la quale essi nutrivano un rispetto e un amore quasi sacrale, anche quando la terra era avara. Mai, però, tanto avara come tanti suoi “padroni”.

 

Continua la lettura della Lettera ... clicca Download

Download
Lettera aperta dei parroci e diaconi della Unità Pastorale "Vallata" alle Comunità
LETTERA APERTA ALLE COMUNITA'.pdf
Documento Adobe Acrobat 101.9 KB

CONFRONTIAMOCI 

"Noi non abitiamo semplicemente un territorio ma siamo anche noi territorio. [...]

La terra e i suoi abitanti sono valore sacro davanti a Dio. E ogni attentato alla terra e alle persone è, di fatto, un sacrilegio o delitto."

Tu, ci credi veramente? Percepisci anche tu un clima sociale sempre più segnato da rancore, aggressività, invidia e gelosia? Cosa, secondo te, potrebbe riportarci a mettere al centro la dignità dell'uomo ed il rispetto per la Natura? 

Scrivilo nei commenti.

Commenti: 0

LUNEDI' DI ASCOLTO

E' un'opportunità di incontro e di ascolto che don Maurizio ti offre per accostarti al Sacramento della Confessione, per confrontarti con lui o anche soltanto per parlare.

L'incontro va concordato con don Maurizio, contattandolo attraverso la sua utenza mobile o l'indirizzo mail che trovi nel Foglio settimanale.


 

La possibilità di celebrare comunitariamente l'Eucarestia ci viene concessa confidando nella NOSTRA RESPONSABILITA' e noi, come Comunità cristiana di Campea, Miane e Premaor, non vogliamo certo sottrarci a quest'assunzione di responsabilità.

 

Pertanto l'ingresso e la permanenza in chiesa avverranno nel rigoroso rispetto delle regole che pubblichiamo qui sotto.

 

Vi preghiamo di condividerle con i vostri cari ed in particolar modo con i più anziani. 

SIAMO RESPONSABILI:

TUTELIAMO LA NOSTRA SALUTE E LA SALUTE DI TUTTI !!


AVVISI

 

LAVORI AL CARMINE

Con il mese di ottobre riprenderanno e saranno conclusi i lavori al santuario del Carmine che riguardano la zona sopra la sacrestia e, a conclusione dei lavoro, la comunità sarà informata dei lavori fatti e delle spese sostenute.

   

BENEDIZIONE FAMIGLIE

Chi desidera ricevere la benedizione della famiglia può telefonare il mercoledì delle 9.00 alle 11.00 al 0438 893114 lasciando il proprio numero telefonico per accordarsi con d. Maurizio.

 

CORTEI FUNEBRI

Stante la necessità di garantire il massimo rispetto del distanziamento fisico, i cortei funebri sono sospesi. Al termine della celebrazione in chiesa, raggiungeremo il cimitero ciascuno con la propria automobile.