... su cui RIFLETTERE


 

 

 

“E’ solo entrando nel mare aperto della riflessione che la teologia può sperare di tornare a incidere sulla vita concreta: solo se ha il coraggio di entrare nel laboratorio sperimentale della ricerca sulla vita.”

 

“La vita autentica”, 

Vito Mancuso

Raffaello Cortina Editore

Esplora i contenuti di questa interessante sezione del sito parrocchiale cliccando uno dei link che troverai qui sotto:

 

Commento alle letture della domenica

 

... in pillole

 

... articoli e saggi

 

Diamo spazio al confronto, in un dialogo costruttivo...

Abbiamo creato questo spazio, per dare la possibilità a chiunque di poter esprimere (e condividere con gli altri) in libertà, una propria opinione, una propria riflessione (sugli spunti qui proposti o no), una propria preghiera.

Ringraziamo, sin da subito, quanti apriranno le loro menti e i loro cuori.

 

N.B.: L'inserimento del nome, ai fini della pubblicazione del commento, è purtroppo necessaria; quanti desiderino restare nell'anonimato sono perciò invitati a inserire un nome di fantasia (diverso dagli eventuali nomi già presenti), senza dunque rinunciare alla possibilità di confronto/dialogo.

Ricordiamo inoltre che NON è necessario riempire la casella "il tuo sito web". 

Commenti: 3
  • #3

    Alessandro Breda (venerdì, 31 gennaio 2014 21:56)

    Sono ritornato a Natale dal Canada, dove ho svolto la mia professione, Ho saputo che il vostro parroco, don Maurizio, è ora a Miane. Quest'uomo è stato mio insegnante al Liceo Flaminio di Vittorio Veneto dal 1993 al 1998. Ci parlava del primato assoluto della coscineza e della persona. Ora parla del primato della coscienza anche il papa. Io devo a lui, e solo a lui, l'aver riscoperto e rivisitato la fede. A lui e alle sfide continua che ci lanciava. Per cinque anni non ha mai parlato direttamente di Dio eppure, alla fine del Liceo ci siamo resi conto che ci ha sempre parlato di Dio. Ora sono sposato e con tre figli e, garzie a lui, sto trasmettendo loro il primato della coscienza, della responsabilità e dell'autonomia. Quando ascolto papa Francesco mi ritornano in mente tante sue lezioni. Dio lo benedica e lo assista. Anzi: Dio ti benedica e ti assista proff. Verrò a trovarti quanto prima. Ti voglio ancora più bene.

  • #2

    irene.minello (lunedì, 11 febbraio 2013 13:44)

    "Noi siamo natura. Non c'è nessuna possibilità di pensarsi in contrapposizione, di pensarsi a prescindere dalla natura, ma quello che io ho sottolineato è che questa legge naturale non è una norma che congela il fenomeno umano unicamente sul “bios”, ma è una legge che favorisce la logica della relazione armoniosa, perché il fenomeno umano possa fiorire in tutti questi suoi cinque aspetti costitutivi, fino a giungere alla creatività, alla libertà della vita spirituale" (Mancuso). L'omoaffettività, continua Mancuso, è un fenomeno naturale non finalizzato alla procreazione, ma c'è, esiste. Allora bisogna tenere presente che c'è una fisiologia di fondo, che è quella comune, ma che esiste anche una variante rispetto a tale fisiologia. E questa variante sicuramente non è malattia come dice la scienza, nè la si può chiamare "peccato", perché il peccato è porsi fuori della natura è non realizzare se stessi. E' necessario allora che si prenda coscienza di questo fatto (di questa difformità, di questa alterità), che si accetti questo "evento natura" e che si lavori a livello di pensiero, per rendersi conto che così stanno le cose, che non si possono cambiare, poichè la natura non si può cambiare. E la natura è creazione, è opera di Dio. Vale considerare che è importante lavorare sulle idee, perché si possa innestare nella società un modo di pensare diverso, legato ad un concetto corretto di natura. (cit. Mimma De Maio)

  • #1

    Mirco.89 (venerdì, 11 gennaio 2013 12:15)

    O Signore, l’aver accolto nella nostra vita il Tuo Amore e la Tua Parola, ci dia la forza e la volontà di vivere da credenti credibili e ci stimoli a pensare e ad inquietarci della nostra fede: sarà veramente fondata?

Luca e Manuela. Prof. c'è bisogno di te altrove. Non lo sapevi ma Manuela B. ed io ci siamo sposati. Sposati, pensa! Corso C, anni 1994-1999, liceo Flaminio. Mi chiamavi, già allora, "talebano del Cazzo" e dicevi a Manuela: "se ti metti assieme a quello rischi di prenderti la....". Abbiamo saputo qualche giorno fa da Andrea Restivo che sei a Miane e sei ancora prete. Questo è un primato assoluto. Anche se sei stato consacrato solo quindici anni fa. A proposito: tanti auguri. Ero anch'io in quell'ultima domenica di Novembre del 1999 alla tua consacrazione. Si dice così? E, come allora, continuo a dirmi: se hanno consacrato prete te possono farlo anche con un mussulmano. Carissimo prof. abbiamo una grandissimo desiderio di vederti, di stare con te alcune ora. Tu occupi ancora e sempre occuperai un posto importantissimo nella nostra vita. Un posto così importante, e questa è la notizia, che abbiamo chiamato Maurizio in nostro primo figlio.

Ma cosa ci fai in quel buco! Scusa, non mi riferiesco alle persona. E conosco già la tua risposta. Non aggiungo altro perchè vogliamo incontrarti Io, Manuela e Maurizio Junior. Anche Gianpaolo vuole vederti. E' ritornato due mesi fa dall'Inghilterra con il suo compagno. Ora scive lui. Ti aspettiamo a casa nostra a Silea.

Proff. sono Gianpi e ti voglio bene. Tu sai anche perchè. Quel colloquio ai giardini di Vittorio. Mi hai dato una forza che non pensavo di avere dopo anni di frustrazioni. Poche essenziali parole; non vergognarti di essere quello che sei, vivilo con dignità. E se incontrerai una persona con cui condividere un tratto di cammino sii fedeli e amala. Poi mi hai abbracciato. Qualcuno guardava con sospetto e ti sei messo a riere. Incontrarti è stato per noi un'avventua e quacosa di unico. Ti abbraccio con forza. Gianpi. a Presto.

(Sabato 29/11/14) Luca, Manuele Gianpaolo



Parrocchia

"Natività della Beata Vergine Maria" di Miane

 

Comunità Parrocchiale di Campea, Miane e Premaor

 

Diocesi di Vittorio Veneto

Per conoscere l'ORARIO delle Celebrazioni dell'Eucarestia

visita la pagina

"COMUNICAZIONI ALLA PARROCCHIA"

e consulta

il "Foglio settimanale della Comunità"